Sunday, July 27, 2008

Superficial intelligence

Pensate, è ormai da sette anni che va avanti la “caccia a bin Laden,” migliaia di presunti enemy combatants sono stati catturati, e quando tra questi ne capita uno che potrebbe avere qualcosa di interessante da dire – poof! – scompare, viene lasciato libero, senza neanche sottoporlo a interrogatori o processo. E poi la chiamano “intelligence”...

Ma, forse, l'intelligenza sta proprio in questo, nel fare in segreto l'opposto di ciò che si dichiara di voler fare in pubblico.

Leggete questa storia apparentemente assurda e traetene le vostre conclusioni.
Poco dopo essere arrivato a Guantanamo nel 2002, l'autista di Osama bin Laden ha rivelato negli interrogatori l'identità del capo delle guardie del corpo di Al-Qaeda – allora come lui detenuto nel campo di prigionia.

Ma, inesplicabilmente, gli Stati Uniti hanno lasciato andare la guardia del corpo.

Questa sensazionale informazione è stata rivelata il quarto giorno del processo per crimini di guerra di Salim Hamdan, 37 anni, accusato di cospirazione e di supporto materiale al terrorismo come presunto membro del circolo ristretto di bin Laden.

Michael St. Ours, un agente del Servizio di Intelligence Criminale della Marina, NCIS, ha offerto un primo assaggio. Ha testimoniato al processo che il suo lavoro come interrogatore nei campi di prigionia nel maggio 2002 era di trovare e focalizzare le guardie del corpo fra i detenuti.

E Hamdan lo ha aiutato ad identificarne 30 – il 10 per cento degli approssimativamente 300 prigionieri allora detenuti. Erano appena stati trasferiti a Camp Delta dal grezzo accampamento chiamato Camp X-Ray e l'intelligence degli Stati Uniti stava ancora provando a smascherarli.

Il capo fra loro era Abdallah Tabarak, nato a Casablanca, allora 47enne, descritto da St. Ours come “un individuo duro” e, grazie a Hamdan, “la guardia del corpo capo di tutte le guardie del corpo.”

St. Ours ha detto che avrebbe voluto parlare con Tabarak. Ma il marocchino era “non cooperativo,” e St. Ours passò ad altri lavori di intelligence – e non venne mai a sapere in seguito che ne è stato di lui.

Allora, in un accurato interrogatorio, l'avvocato difensore di Hamdan Harry Schneider ha lasciato cadere la notizia bomba: vi sorprenderebbe sapere che è stato liberato senza nemmeno essere accusato?” St. Ours è apparso stupito.

“Sì,” ha risposto.

I portavoce del Pentagono e del campo di prigionia non hanno risposto giovedì ad una richiesta di spiegazione. Il nome di Tabarak era scomparso da una lista ufficiale del campo di prigionia elaborata dal Dipartimento della Difesa nel settembre 2004, dopo che circa 200 prigionieri erano stati mandati via. Un mese prima, l'agenzia di notizie di stato del Marocco aveva detto che tutti e cinque i suoi cittadini erano stati rimpatriati dai campi, per investigazioni.