Friday, November 2, 2007

Una comoda falsità

Il 6 ottobre l'Alta Corte inglese, preso in esame il film An Inconvenient Truth, a seguito dell'esposto di un camionista del Kent che denunciava “la visione a senso unico e il rischio di lavaggio del cervello”, dichiarava che l'opera promossa da Al Gore (premiata con l'Oscar come miglior documentario) non è tanto un documento scientifico, quanto un film politico – avvolto “in un contesto di allarmismo ed esagerazione” – segnalando tra l'altro la presenza di ben undici errori. Non è stata revocata la decisione del governo di inviare 3.500 copie del documentario agli istituti secondari di Inghilterra e Galles, ma la proiezione nelle classi dovrà essere preceduta dalle precisazioni degli insegnanti.

Questo non ha impedito a Gore, pochi giorni dopo, di ricevere inopinatamente il Nobel per la Pace (!), ma soprattutto non ha consigliato maggiore prudenza ai grossi predatori che, annusato il ricco boccone, già si sono lanciati a fauci spalancate. È del 9 ottobre, infatti, la proposta del cancelliere tedesco Angela Merkel di un accordo per combattere il cambiamento climatico con un sistema internazionale per il commercio delle emissioni globali che sostituisca il protocollo di Kyoto dopo il 2012:
La Merkel ha sottolineato che soltanto stabilendo dei limiti sull'emissione di anidride carbonica pro capite in tutto il mondo – suggerendo una quantità di circa 2 tonnellate a testa – la lotta per arrestare il riscaldamento globale potrà essere efficace. “Il nostro obiettivo di lunga durata può soltanto essere il livellamento pro capite delle emissioni mondiali,” ha detto la Merkel ad un simposio di Nobel e di altri preminenti scienziati. Il suo suggerimento significherebbe dei tagli drastici: in Germania l'emissione di anidride carbonica è di circa 11 tonnellate l'anno a testa, mentre negli Stati Uniti circa 20 tonnellate.
La segue a ruota il presidente francese Nicolas Sarkozy che giovedì scorso, chiudendo i lavori della conferenza sull’ambiente, ha dichiarato: “ci vuole una rivoluzione nel nostro modo di pensare, di decidere, una rivoluzione nei nostri comportamenti,” rivoluzione che, manco a dirlo, deve partire dai nostri portafogli:
Tra le misure che dovranno essere adottate per affrontare il problema dei cambiamenti climatici vi sono il blocco alla costruzione di nuove autostrade ed aeroporti e, in parallelo, la messa in cantiere entro il 2020 di ben duemila chilometri di linee ferroviarie ad alta velocità; nuovi assi ferroviari per il trasporto dei veicoli pesanti ed autostrade marittime verso Spagna e Italia. E, ciliegina sulla torta, verrà studiata l’introduzione di una tassa sulle emissioni di anidride carbonica.
Senza dimenticare Gordon Brown che già un anno fa, quando era ancora soltanto ministro delle finanze, annunciava Al Gore come nuovo consigliere per l’ambiente del governo britannico, l'ultimo in ordine di tempo è invece il sindaco di New York Michael R. Bloomberg che progetta di annunciare oggi il suo sostegno ad una tassa nazionale sulle emissioni di anidride carbonica:
In quello che i suoi collaboratori considerano uno degli impegni politici più significativi del suo secondo ed ultimo mandato, il sindaco sosterrà che che tassare direttamente le emissioni di anidride carbonica e di altri gas serra che contribuiscono al cambiamento climatico ritarderà il riscaldamento globale, promuovendo al contempo lo sviluppo economico e l'innovazione tecnologica – anche se a breve termine può provocare un rincaro della benzina.
Curiosamente in questo caso l'abusata massima keynesiana – quella secondo cui “nel lungo termine saremo tutti morti” – non viene presa in considerazione: forse perché per milioni di persone che non arriveranno più a fine mese questo termine si avvicinerà drasticamente, diminuendo così l'impronta ecologica dell'umanità sul pianeta. Peccato che non sia il pianeta a pagare i ricchi stipendi di questa ciurma di filibustieri, quanto coloro ai quali ora si vuole ridurre la qualità della vita. Spremuto il limone, se ne getta la buccia.

Non dovrebbe essere difficile seguire i contorni di un disegno preciso che collega i premi e la vasta pubblicità e diffusione accordati a Gore alla tassazione globale. Nasce una nuova era in cui la discriminazione sarà su base energetica: chi potrà permettersi l'energia pulita continuerà a godere delle comodità moderne, gli altri dovranno probabilmente limitare anche le flatulenze (“2 tonnellate a testa”). Di questi tempi ogni scusa è buona per tassare e pianificare, poco importa se la teoria su cui si basano queste politiche “ambientaliste” è tutt'altro che dimostrata, se è inquinata da forzature ideologiche evidenti anche ad un camionista del Kent. Per dirla tutta, nemmeno il messia verde sembra seriamente preoccupato dalla sua impronta ecologica personale, di certo non quanto dovrebbe esserlo se le sue inconvenienti teorie fossero vere:
... negli Stati Uniti il consumo medio per casa è di poco superiore ai 10mila kilowatt-ora (kWh) all'anno, mentre nel 2006 casa Gore ha divorato circa 221mila kWh: più di 20 volte la media nazionale. Soltanto lo scorso agosto, Gore ha bruciato 22mila kWh, con una bolletta che sfiora i 1400 dollari. Dall'uscita di An Inconvenient Truth, poi, il consumo energetico di casa-Gore è cresciuto da una media di 16mila kWh al mese nel 2005 agli oltre 18mila kWh al mese del 2006.
Alcune scomode domande prorompono inevitabili e spontanee: quale potrebbe essere l'impronta ecologica dell'umanità al netto di Gore e dei governi di tutto il mondo? Che impatto ha sul clima una casta di parassiti a livello globale? Se vogliono davvero salvare il mondo, perché non si suicidano?


11 comments:

Anonymous said...

c'è un commento di fondo fa fare: la quantità totale di anidride carbonica ( o di qualsiasi altro prodotto inquinante ) è data dal prodotto della quantità procapite moltiplicato il numero di soggetti che la producono; quindi ridurre a 2 tonnellate procapite le emissioni è una cazzata se non si aggiunge il controllo delle nascite; in altre parole se si vuole tenere costante il prodotto totale finale occorre tenere sotto controllo entrambi i termini che lo costituiscono e non uno solo(l'equazione è quella che regola le leve)
Perchè non ci parlano mai di come vogliono controllare la popolazione ? Forse con le epidemie ? Le guerre ? Per questo non ne parlano ?

Giannizt said...

Caro Anonimo.

ti consiglio la lettura di
Nssm 200 un documento di demografia attiva, ovvero su come limitare le nascite.

Se ti serve una traduzione in italiano te la posso inviare; comunque in rete sono disponibili molti ottimi riassunti.

Un metodo consigliato per limitare le nascite è la TV.
Così è scritto nel documento,

Ciao Gianni

Pike Bishop said...

Gianni

La traduzione di NSSM 200 andrebbe pubblicata da qualche parte, e' un documento essenziale e stavo per tradurlo io stesso (ma ora che so che l'hai gia' fatto tu.....).
Cosa ne dice il padrone di casa?

Ho inviato un articolo danese che ho tradotto sulla questione de-popolazione ad un sito che lo pubblichera' tra poco, non appena lo fa daro' le coordinate, se interessa magari si potrebbe pubblicare anche qui (Pax penso che sappia come contattarmi, ma per inciso manca una sezione contatti in questo blog, che farebbe comodo per inviare contributi).

Tornando alla Comoda Falsita', c'e' da puntualizzare che Steward Dimmock, il camionista, non ha fatto l'esposto in quanto camionista, ma in quanto school governor, vale a dire membro del consiglio della scuola, ed e' appoggiato dal New Party e dai finanziatori del documentario The Great Gobal Warming Swindle. Non e' esattamente Davide contro Golia: a Davide qualsiasi giudice avrebbe dato torto e i giudici non sono mai dalla parte di chi non ha appoggi (be' anche Davide, pero'...).

Anonymous said...

grazie gianni per il suggerimento,
stai parlando del documento di Henry "Faccia di Culo" Kissinger vero? L'ho letto tanti anni fa, lo rileggerò un giorno che sentirò il bisogno di vomitare.
ciao

Anonymous said...

a proposito di HfdcK, mi è tornato in mente un giochino di parole che andava di moda all'epoca; si diceva che il nostro fosse un gran donnaiolo e che questo fosse scritto (Nomen omen) nel suo nome
KissingHer.
Mi è rimasto in mente come esempio di cosa si è disposti a fare per il potere, anche ombra del potere: baciare HfdcK

Paxtibi said...

Grazie degli ottimi commenti. Per quanto riguarda i contatti, mi ero dimenticato di attivare il link dell'e-mail nel profilo, ora ho rimediato.

_gaia_ said...

Ciao ragazzuoli :)

Se qualcuno metterà on-line la versione italiana del NSSM 200, segnalatela ovunque, mi raccomando!

Pike: attendo anche la tua traduzione con vivo interesse, ti ringrazio se vorrai segnalarla qui.

buona continuazione a tutti
e un saluto 'special' a Pax
:)

Pike Bishop said...

La traduzione di NSSM 200 a cura di Massimo Mazzucco e' stata pubblicata da Luogocomune e la potete trovare come link all'articolo "Farmageddon" pubblicato oggi sempre su Luogocomune (che era poi quello tradotto dal sottoscritto e che sarei felice di veder pubblicato anche altrove, tanto lo ritengo azzeccato, anche se scritto in un inglese un po' arraffazzonato - l'autore e' Danese, ma io il danese non lo capisco proprio: c'e' nessuno li' fuori che ... ).

Giannizt said...

Perbacco!

Anche Pike Bishop gode di facoltà telepatiche veramente sviluppate.

Per quanto riguarda Nssm 200, me ne ero interessato nel 2004 e ne avevo proposto una pubblicazione a Comedonchisciotte.

La risposta di Truman fu attendista, e dopo qualche settimana Mazzucco uscì con il thread Nsm 200 (sic!).

In quei giorni l'housing di Comedonchisciotte fu fermato e Comedonchisciotte si appoggiò sul server di Luogocomune.

Un complottista doc non va mai in vacanza.

Ciao Gianni

_gaia_ said...

Mamma mia.. che rapidità :D
Grazie Pike per l'articolo e la dritta (e complimenti per la traduzione)!

buoni giorni a tutti

Anonymous said...

Ho superato, grazie al centro di igiene mentale Flo di Laputa, una gaia crisi di autismo.

Spero di non incappare in una seconda.