Saturday, September 1, 2007

Omertà di stato

Qualcuno riesce a ricordare un attentato le cui cause siano mai state chiarite e i veri colpevoli, al di là di ogni dubbio, trovati e puniti? Londra come Ustica come New York come Oklahoma City come Bologna come Amman... il muro è sempre lo stesso: segreto di stato. Ovvero il cittadino non deve sapere ciò che lo stato – con i suoi soldi – fa per “proteggerlo,” neanche quando la “protezione” fallisce completamente il suo scopo.

Ho sentito bene? Chi ha detto omertà?
___________________________



I superstiti degli attentati del 7 luglio a Londra hanno minacciato un'azione legale contro il rifiuto del governo di istituire un'inchiesta pubblica indipendente.

Un gruppo di superstiti e di parenti delle vittime hanno inoltrato una lettera al Ministero degli Interni.

Questo documento descrive l'intenzione del gruppo di perseguire una revisione giudiziaria se il governo non permette che venga tenuta un'inchiesta pubblica.

I quattro attentati suicidi provocarono la morte di 52 persone e ne ferirono quasi 800. [...]

Ma James Oury, socio anziano dell'ufficio di procuratori legali Oury Clark, ha detto che siccome l'ex ministro degli interni, il dott. John Reid, ha rifiutato all'inizio di quest'anno la loro richiesta di istituire un'inchiesta pubblica indipendente, sono stati costretti a considerare questa sfida legale.

Il sig. Oury ha detto: “C'è una continua incertezza sugli eventi che portarono agli attacchi del 7 luglio 2005 e un'inchiesta indipendente è vista come un sistema appropriato di occuparsi questo problema.

3 comments:

Anonymous said...

Non ho fiducia neanche nelle indagini "indipendenti", nè nei comitati per la verità nè nei comitati delle vittime.

Spesso questi comitati sono omertosi.

Confrontate le tesi e vedrete che i fatti parleranno da soli.

ciao Gianni

Linucs said...

Ma quella minchiata lì sarebbe una bomba?

Paxtibi said...

In effetti sembra più un'opera di Kounellis.

:-)