Monday, December 8, 2008

Great Society: una critica libertaria #2

Di Murray N. Rothbard


Il corporativismo formale della NRA è finito da tempo, ma la Great Society mantiene molta della sua essenza. Il locus del potere sociale è enfaticamente assunto dall'apparato statale. Ancora, questo apparato sarà governato permanentemente da una coalizione della grande impresa e dal l'insieme dei grandi sindacati, gruppi che usano lo stato per operare e dirigere l'economia nazionale. L'usuale riconciliazione tripartita di grande impresa, grandi sindacati e grande governo simbolizza l'organizzazione della società per blocchi, enti e società, regolate e privilegiate dalla federazione, dallo stato e dai governi locali. Tutto ciò essenzialmente compone lo “stato corporativo,” che, durante gli anni 20, servì da faro per i grandi imprenditori, i grandi sindacati e molti intellettuali liberal come il sistema economico adeguato per una società industriale del ventesimo secolo. [9]

Il ruolo intellettuale indispensabile della costruzione del consenso popolare per il governo dello stato è svolto, per la Great Society, dall'intellighenzia liberal, che fornisce la spiegazione razionale di “benessere generale,” “umanità,” e “bene comune” (proprio come gli intellettuali conservatori lavorano sull'altro lato della Great Society offrendo la spiegazione razionale di “sicurezza nazionale” e “interesse nazionale”). I liberal, in breve, spingono la parte “welfare” del nostro onnipresente welfare-warfare state, mentre i conservatori sollecitano la parte “warfare” della torta. Questa analisi del ruolo degli intellettuali liberal mette in una prospettiva più sofisticata l'apparente “vendersi” di questi intellettuali rispetto al loro ruolo durante gli anni 30. Quindi, fra numerosi altri esempi, c'è l'anomalia apparente di A.A. Berle e David Lilienthal, acclamati e maledetti come ardenti progressisti negli anni 30, che ora scrivono tomi inneggianti al nuovo regno della grande impresa. In realtà, le loro opinioni di base non sono cambiate minimamente. Negli anni 30, questi teorici del New Deal erano occupati a condannare come “reazionari” quei grandi imprenditori che rimasero legati ai vecchi ideali individualisti e non riuscivano a capire o ad aderire al nuovo sistema monopolista dello stato corporativo. Ma ora, negli anni 50 e negli anni 60, questa battaglia è stata vinta; i grandi imprenditori sono tutti vogliosi di essere monopolisti privilegiati nel nuovo ordinamento e quindi possono ora essere accolti favorevolmente da teorici quali Berle e Lilienthal come “responsabili” e “illuminati,” il loro individualismo “egoista” una reliquia del passato.

Il mito più crudele promosso dai liberal è che la Great Society sia di grande vantaggio e beneficio per i poveri; in realtà, scavando sotto la superficiale apparenza, i poveri sono le vittime principali dello stato sociale. I poveri sono quelli che saranno coscritti per combattere e morire per stipendi letteralmente da schiavi nelle guerre imperiali della Great Society. I poveri sono quelli che perdono le loro case sotto il bulldozer del rinnovo urbano, quel bulldozer che lavora a favore di interessi immobiliari e dei costruttori polverizzando gli appartamenti a basso costo disponibili. [10]

Tutto questo, naturalmente, in nome della “pulizia dei bassifondi” e dell'aiuto all'estetica degli immobili. I poveri sono la clientela dell'assistenza sociale le cui case sono inconstituzionalmente ma regolarmente invase dagli agenti di governo per scovare il peccato nel mezzo della notte. I poveri (per esempio, negri nel sud) sono quelli resi disoccupati dall'aumento del salario minimo, istituito a favore dei datori di lavoro e dei sindacati nelle zone di alto-salario (per esempio, il Nord) per impedire all'industria di muoversi verso le zone a basso reddito. I poveri sono crudelmente perseguitati da un'imposta sul reddito che la destra e la sinistra fraintendono allo stesso modo come programma egalitario per drenare i ricchi; nella realtà, vari trucchi ed esenzioni assicurano che siano i poveri e le classi medie ad essere i più colpiti. [11]

I poveri sono perseguitati ugualmente dallo stato sociale il cui principio macroeconomico cardinale è l'inflazione perpetua seppur controllata. L'inflazione e la pesante spesa pubblica favoriscono i commerci del complesso militar-industriale, mentre i poveri ed i pensionati, quelli con pensioni fisse o la previdenza sociale, sono colpiti più duramente. (I liberal hanno spesso deriso l'insistenza degli anti-inflazionisti “sulle vedove e sugli orfani” come vittime principali dell'inflazione, tuttavia tali rimangono.) Ed il fiorire della pubblica istruzione obbligatoria tiene milioni di giovani fuori dal mercato del lavoro per molti anni in scuole che servono più da case di detenzione che come veri centri di formazione. [12]

Programmi agricoli che si presume aiutino gli agricoltori poveri servono in realtà i grandi e ricchi agricoltori a scapito dei mezzadri e dei consumatori; e commissioni che regolano l'industria servono per cartellizzarla. La massa degli operai è spinta a forza dalle misure governative nei sindacati che addomesticano ed integrano la forza lavoro nello stato corporativo in accelerazione, per essere sottoposto ad arbitrarie “guide di riferimento” per i salari ed infine all'arbitrato obbligatorio.

Il ruolo dell'intellettuale e della retorica liberal è ancor più rigido nella politica economica estera. Progettato apparentemente “per aiutare i paesi sottosviluppati,” l'aiuto estero è servito come gigantesca sussidio del contribuente americano per le ditte di esportazione americane, come simile sussidio agli investimenti all'estero americani con garanzie e prestiti di Stato sovvenzionati, come motore di inflazione per il paese beneficiario e forma di enorme sussidio agli amici ed ai clienti dell'imperialismo degli Stati Uniti nel paese beneficiario.

La simbiosi fra gli intellettuali liberal e lo statalismo despotico all'interno ed all'estero è, ancora, non un caso; perché al cuore della mentalità welfarista c'è un enorme desiderio di “fare del bene” alla massa dell'altra gente e poiché la gente non desidera solitamente che le si faccia del bene – poiché ciascuno ha una sua idea di quel che vorrebbe fare – il welfarista liberal finisce inevitabilmente per brandire un grosso bastone con cui spingere le masse ingrate. Quindi, l'ethos liberal in sé costituisce per gli intellettuali un potente stimolo a cercare il potere dello stato e ad allearsi con gli altri capi dello stato corporativo. I liberal diventano così ciò che Harry EImer Barnes a ragione ha chiamato “liberal totalitari.” O, come disse Isabel Paterson una generazione fa:
Il filantropo desidera essere un motore primo nelle vite degli altri. Non può ammettere l'ordine divino o naturale, per cui gli uomini hanno il potere di aiutarsi. Il filantropo si mette al posto di Dio.

Ma è confrontato da due fatti scomodi; in primo luogo, che il competente non ha bisogno della sua assistenza; ed in secondo luogo, che la maggior parte della gente… non vuole positivamente che le sia fatto “del bene” dal filantropo…. Naturalmente, ciò che il filantropo propone in realtà è che farà ciò che pensa sia bene per ognuno. È a questo punto che il filantropo installa la ghigliottina. [13]
Il ruolo retorico del welfarismo nel pressare la gente può essere veduto chiaramente nella guerra del Vietnam, dove la pianificazione liberal americana per il presunto benessere vietnamita è stata particolarmente prominente, per esempio, nei programmi e nelle azioni di Wolf Ladejinsky, di Joseph Buttinger e del gruppo Michigan State. Ed il risultato è stato molto simile ad una “ghigliottina” americana per la gente vietnamita, del nord e del sud. [14]

E perfino la rivista Fortune invoca lo spirito dell'“idealismo” umanitario come giustificazione per essere gli Stati Uniti “gli eredi dell'oneroso compito di sorvegliare queste frantumate colonie” dell'Europa occidentale e di impiegare la propria forza dovunque. La volontà per portare questo sforzo all'estremo, particolarmente nel Vietnam e forse in Cina, costituisce per Fortune “la prova infinita dell'idealismo americano.” [15] Questa sindrome liberal-welfarista può inoltre essere veduta nella zona molto differente dei diritti civili, nell'indignazione terribile fatta soffrire dei liberali bianchi alla determinazione recente dei negri di prendere il comando nell'aiuto, piuttosto che continu aare rinviare ai signori ed alle signore ricchi di liberalismo bianco.

Insomma, il fatto più importante sulla Great Society in cui viviamo è la disparità enorme fra retorica e contenuto. Nella retorica, l'America è la terra della libertà e della generosità, che gode delle benedizioni di un mercato libero temperato da una montante assistenza sociale, che distribuisce riccamente la sua abbondanza ai meno fortunati nel mondo. Nella pratica reale, l'economia della libera impresa virtualmente è finita, sostituita da uno stato Leviatano imperiale e corporativo che organizza, ordina, sfrutta il resto della società e, effettivamente, il resto del mondo, per il suo potere ed il suo arricchimento. Abbiamo sperimentato, come Garet Garrett indicò acutamente più di una decade fa, “una rivoluzione nella forma.” [16] La vecchia repubblica limitata è stata sostituita dall'impero, all'interno ed al di fuori dei nostri confini.
___________________________

Note


[9] Parte di questa storia è stata raccontata in “Flirtation with Fascism: American Pragmatic Liberals and Mussolini's Italy,” di John P. Diggins, American Historical Review, LXXI (gennaio 1966), pp. 487–506.

[10] Vedi Martin Anderson, The Federal Bulldozer (Cambridge, Mass., 1964).

[11] Quindi, vedi Gabriel Kolko, Wealth and Power in America (New York, 1962).

[12] Quindi, vedi Paul Goodman, Compulsory Mis-Education and The Community of Scholars (New York, Vintage paperback edition, 1966).

[13] Isabel Paterson, The God of the Machine (New York, 1943), p. 241.

[14] Vedi John McDermott, “Welfare Imperialism in Vietnam,” The Nation (July 25, 1966), pp. 76–88.

[15] Fortune (agosto 1965). Come destra del Great Society Establishment, Fortune presumibilmente supera il test di Berle-Lilienthal come portavoce per gli “illuminati” in contrasto con il capitalismo “egoista.”

[16] Garet Garrett, The People's Pottage (Caldwell, Idaho, 1953).
___________________________

Link alla prima parte.

6 comments:

Orso von Hobantal said...

Ma che ne dici dei casini in Grecia?

Santaruina said...

Ogni volta non posso che rimanere piacevolmente sorpreso dall'estrema lucidità di questi scritti.

Difficile trovare delle "falle" in tali argomentazioni.

Santaruina said...

p.s: ho come l'impressione che la situazione in Grecia sia effettivamente sfuggita di controllo.

Sembra davvero esplosa una rabbia covata a lungo.
I "koukoulofori" sono solo la punta dell'Iceberg, la situazione è davvero preoccupante.

Anche tenendo conto che d'ora in avanti le cose andranno sempre peggio, e sempre più velocemente.

Paxtibi said...

"Ordo ab chao".

libertyfighter said...

Linkato alla grande!
Complimenti.
Pax, aspetto un tuo post per capire che cosa succede nella tua terra.

Paxtibi said...

Fatto. :-)