Wednesday, October 10, 2007

Pasticceria giudiziaria

È giusto, è proporzionato, che il furto di una ciambella possa essere punito con una sentenza di 30 anni di prigione, se non con l'ergastolo? Evidentemente sì:
Scott A. Masters, 41 anni, di Park Hills nel Missouri, è stato accusato di aggressione di secondo grado e rapina per il furto di una ciambella da 52 centesimi da un Country Mart a Farmington, circa 70 miglia (113 chilometri) a sud di St. Louis. Gli impiegati del supermercato hanno detto che, il dicembre scorso, si è infilato la ciambella sotto la camicia senza pagare, quindi ha spinto via un impiegato che ha provato a fermarlo mentre fuggiva.

La spinta è considerata come assalto, che trasforma un reato minore come il furto semplice in una rapina a mano armata punibile con una condanna potenziale da cinque a 15 anni di reclusione. Dati i precedenti giudiziari di Masters, i procuratori potrebbero aumentare tale sentenza da 30 anni fino all'ergastolo.
Questa sarebbe la giustizia statale: mentire alla nazione e al mondo intero, e sulla base di queste menzogne bombardare ed invadere uno stato straniero è considerato perfettamente legale, ma il furto di ciambella con spinta può essere punito con pene fino all'ergastolo. Senza contare che “il Congresso è libero di definire il “crimine violento" come desidera, a prescindere da come le leggi degli stati considerino lo stesso comportamento.”

Ma se l'ipotesi di una giustizia privata viene da molte parti scartata come inaffidabile perché “soggetta alla logica del profitto” (logica che, semmai, in assenza di monopolio, garantirebbe un incentivo all'imparzialità delle corti), quale perversa logica si nasconde dietro una simile stupefacente sproporzione tra crimine e pena?

Indovinate un po': proprio la logica del... profitto! Infatti, l'ergastolo per una ciambella non è altro che l'ingrediente di una ricca torta confezionata dallo stato federale per la tavola dei suoi invitati privilegiati.
___________________________


L'industria carceraria negli Stati Uniti: big business o nuova forma di schiavitù?


Di Vicky Pelaez (da El Diario-La Prensa, New York)

Le organizzazioni per i diritti dell'uomo, così come quelle politiche e sociali, condannano ciò che definiscono come nuova forma di inumano sfruttamento negli Stati Uniti, dove, affermano, una popolazione di fino a 2 milioni di carcerati - principalmente neri e ispanici - sta lavorando per alcune industrie per una miseria. Per i tycoons che hanno investito nell'industria carceraria, è stato come trovare una pentola piena d'oro. Non devono preoccuparsi di scioperi o pagamenti di assicurazioni, di vacanze o permessi. Tutti i loro operai sono a tempo pieno, e non arrivano mai in ritardo né si assentano per problemi familiari; inoltre, se non gradiscono la paga di 25 centesimi l'ora e rifiutano di lavorare, vengono rinchiusi in celle di isolamento.

Ci sono circa 2 milione di carcerati nelle prigioni statali, federali e private sparse per il paese. Secondo il California Prison Focus, "nessuna altra società nella storia umana ha incarcerato tanti dei suoi stessi cittadini." Il quadro indica che gli Stati Uniti hanno imprigionato più persone che qualunque altro paese: un milione mezzo più della Cina, la quale ha una popolazione cinque volte più grande degli Stati Uniti. Le statistiche rivelano che gli Stati Uniti detengono il 25% della popolazione carceraria mondiale, su soltanto il 5% della popolazione mondiale. Da meno di 300.000 carcerati nel 1972, la popolazione delle prigioni ha raggiunto i 2 milioni entro l'anno 2000. Nel 1990 era di un milione. Dieci anni fa c'erano soltanto cinque prigioni private nel paese, con una popolazione di 2.000 carcerati; ora, ce ne sono 100, con 62.000 carcerati. Secondo questi rapporti è stato previsto che entro la prossima decade, il numero raggiungerà i 360.000.

Che cosa è accaduto durante gli ultimi 10 anni? Perché ci sono tanti prigionieri?
"I contratti privati per il lavoro dei carcerati sono un incentivo per imprigionare sempre più gente. Le prigioni dipendono da questo reddito. Azionisti corporativi che fanno i soldi grazie al lavoro dei carcerati fanno lobbing a favore di pene più lunghe, per espandere la loro mano d'opera. Il sistema si autoalimenta," dice uno studio del Progressive Labor Party, il quale accusa l'industria carceraria di essere "un'imitazione della Germania Nazista riguardo al lavoro forzato schiavista e ai campi di concentramento."

Il complesso dell'industria carceraria è una delle industrie in crescita negli Stati Uniti ed i relativi investitori sono su Wall Street. "Questa industria multimilionaria ha le proprie mostre commerciali, convention, website, e punti vendita su internet. Inoltre ha campagne pubblicitarie dirette, aziende di architettura, società di costruzioni, case di investimento in Wall Street, aziende di impiantistica, compagnie di distribuzione di generi alimentari, sicurezza armata, e celle riempite in una grande varietà di colori."

Secondo Left Business Observer, l'industria federale carceraria produce il 100% di tutti i caschi militari, cinghie delle munizioni, maglie a prova di proiettile, placche di identificazione, camicie, pantaloni, tende, borse e spacci di bevande. A parte i rifornimenti militari, gli operai della prigione forniscono il 98% dell'intero mercato per i servizi di assemblaggio di apparecchiature; il 93% delle vernici e dei pennelli; il 92% dell'assemblaggio di cucine; il 46% delle armature protettive; il 36% degli elettrodomestici; il 30% di cuffie/microfoni/altoparlanti; e il 21% delle forniture di ufficio. Parti di aeroplano, forniture mediche, e molto più: i prigionieri stanno persino allevando cani-guida per ciechi.


IL CRIMINE SCENDE, LA POPOLAZIONE CARCERARIA SALE

Secondo i rapporti delle organizzazioni dei diritti umani, questi sono i fattori che aumentano il potenziale di profitto per coloro che investono nel complesso industriale carcerario:

• Imprigionare persone condannate per crimini non violenti, e pene carcerarie lunghe per il possesso di quantità microscopiche di droghe illegali. La legge federale stabilisce una pena di cinque anni senza possibilità di ricorso per un possesso di 5 grammi di crack o di 3.5 once di eroina, e 10 anni per il possesso di meno di 2 once di cocaina in blocchi o di crack. Una pena di 5 anni per la cocaina in polvere richiede un possesso di 500 grammi - 100 volte di più della quantità di cocaina in blocchi per la stessa pena. La maggior parte di coloro che usa la polvere di cocaina sono bianchi, classe media o gente ricca, mentre principalmente i neri e Latinos usano la cocaina in blocchi. Nel Texas, una persona può essere condannata ad un imprigionamento fino a due anni per il possesso di 4 oncie di marijuana. Qui a New York, la legge anti-droga di Nelson Rockefeller del 1973 prevede una pena obbligatoria in carcere da 15 anni fino all'ergastolo per un possesso di 4 once di una qualsiasi droga illegale.

• L'approvazione in 13 stati della "legge dei tre colpi" (ergastolo dopo una condanna di tre crimini), ha reso necessaria la costruzione di 20 nuove prigioni federali. Uno dei casi più preoccupanti derivati da questa misura è stato quello di un prigioniero che per aver rubato un automobile e due biciclette ha ricevuto tre pene di 25 anni.

• Pene più lunghe.

• L'approvazione di leggi che richiedono un dibattimento minimo, senza riguardo per le circostanze.

• Una grande espansione del lavoro carcerario che genera profitti che motivano l'incarcerazione di più gente e per periodi di tempo più lunghi.

• Più punizioni per i prigionieri, in modo da allungare le loro pene.


LA STORIA DEL LAVORO CARCERARIO NEGLI STATI UNITI

Il lavoro carcerario ha le sue radici nella schiavitù. Dopo la guerra civile del 1861-1865, fu introdotto il sistema di "assumere i prigionieri" così da continuare la tradizione della schiavitù. Gli schiavi liberati venivano accusati di non onorare i loro impegni di mezzadria (coltivare la terra di qualcun'altro in cambio di una parte del raccolto) o di piccoli furti - che non venivano quasi mai dimostrati - ed erano quindi “assunti” per il raccolto di cotone, o per lavorare in miniere e nella costruzione di ferrovie. Dal 1870 fino al 1910 nello stato della Georgia, l'88% dei carcerati assunti era nero. Nell'Alabama, il 93% dei minatori "forzati" erano neri. Nel Mississippi, un podere-prigione enorme simile alle vecchie piantagioni sostituì il sistema degli schiavi con l'assunzione di condannati. La rinomata piantagione di Parchman è esistita fino al 1972.

Durante il periodo post-Guerra Civile, le leggi razziali segregazioniste di Jim Corvo sono state imposte ad ogni stato, con la segregazione legale in scuole, abitazioni, matrimoni e in molti altri aspetti della vita quotidiana. “Oggi, un nuovo insieme di leggi dichiaratamente razziste sta imponendo il lavoro forzato e lo sfruttamento della manodopera sul sistema giudiziario criminale, ora conosciuto come complesso industriale carcerario,” commenta il Left Business Observer.


Chi sta investendo? Almeno 37 stati hanno legalizzato la privatizzazione del lavoro carcerario a società private che organizzano le loro operazioni all'interno delle prigioni di stato. La lista di tali aziende contiene la crema delle corporazioni USA: IBM, Boeing, Motorola, Microsoft, AT&T, Wireless, Texas Instrument, Dell, Compaq, Honeywell, Hewlett-Packard, Nortel, Lucent Technologies, 3Com, Intel, Northern Telecom, Twa, Nordstrom, Revlon, Macy, Pierre Cardin, Target Stores, e molte altre. Tutte queste imprese sono eccitate dal boom economico generato dal lavoro carcerario. Solo tra il 1980 e il 1994, i profitti sono saliti da 392 milioni di dollari a 1.31 miliardi. I carcerati dei penitenziari di stato generalmente ricevono lo stipendio minimo per il loro lavoro, ma non tutti; in Colorado, ottengono circa 2 $ all'ora, ben al di sotto del minimo. E nelle prigioni private, ricevono solo 17 centesimi all'ora per un massimo di sei ore al giorno, l'equivalente di 20 dollari al mese. La prigione privata con le paghe migliori è la CCA nel Tennessee, dove i prigionieri ricevono 50 centesimi all'ora per quelli che chiamano “impieghi altamente qualificati.” A quelle cifre, non sorprende che i carcerati trovino la paga nelle prigioni federali molto generosa. Là, possono guadagnare 1.25 $ l'ora per otto ore al giorno di
lavoro, ed a volte fare straordinari. Possono mandare a casa 200-300 $ al mese.

Grazie al lavoro carcerario, gli Stati Uniti sono ancora una volta una posizione attraente per gli investimenti in lavori originariamente progettati per il mercato del lavoro del terzo mondo. Un'azienda che operava una maquiladora (impianto di assemblaggio in Messico vicino al confine) ha chiuso i suoi stabilimenti e li ha rilocati nella prigione di stato San Quentin in California. Nel Texas, una fabbrica ha licenziato i suoi 150 operai e si è assicurata i servizi dei prigionieri-operai dalla prigione privata di Lockhart in Texas, dove vengono montati i circuiti stampati per aziende come IBM e Compaq.

Il rappresentante dello stato dell'Oregon Kevin Mannix recentemente ha invitato Nike a tagliare la propria produzione in Indonesia e portarla nel suo stato, dicendo al produttore di scarpe che “ci non sarà alcun costo di trasporto; stiamo offrendovi lavoro carcerario competitivo (qui).”


PRIGIONI PRIVATE

Il boom delle privatizzazioni delle carceri è cominciato negli anni 80, sotto i governi di Ronald Reagan e di Bush sr., ma ha raggiunto il suo apice nel 1990 sotto William Clinton, quando le azioni di Wall Street si vendevano come hotcakes. Il programma di Clinton per il taglio della manodopera federale ha provocato da parte del Dipartimento di Giustizia l'appalto alle corporazioni carcerarie private per l'incarcerazione di operai privi di documenti e di condannati di alta sicurezza.

Le prigioni private sono il commercio più grande nel complesso dell'industria carceraria. Circa 18 corporazioni sorvegliano 10.000 prigionieri in 27 stati. Le due più grandi sono Correctional Corporation of America (CCA) e Wackenhut, le quali insieme controllano il 75%. Le prigioni private ricevono un importo garantito di denaro per ogni prigioniero, indipendentemente dal costo per mantenerlo. Secondo Russell Boraas, un amministratore di una prigione privata in Virginia, "il segreto dei costi di gestione bassi sta nell'avere il numero minimo di guardie per il numero massimo di prigionieri." La CCA ha una prigione ultra-moderna in Lawrenceville, in Virginia, dove cinque guardie nel turno di giorno e due di notte vigilano oltre 750 prigionieri. In queste prigioni, i carcerati possono ottenere le loro pene ridotte per "buona condotta," ma per qualsiasi infrazione, ottengono 30 giorni aggiunti - che significa più profitti per la CCA. Secondo uno studio delle carceri del Nuovo Messico, è stato trovato che i carcerati della CCA hanno perso il "tempo della buona condotta" ad un tasso otto volte superiore a quelli dentro le prigioni di stato.


IMPORTARE ED ESPORTARE I CARCERATI

I profitti sono così buoni che ora c'è un nuovo commercio: importazione dei carcerati con pene lunghe, cioè i criminali più pericolosi. Quando un giudice federale ha deciso che il sovrappopolamento nelle carceri del Texas era una punizione crudele ed insolita, la CCA ha firmato contratti con gli sceriffi delle contee povere per costruire e gestire nuove prigioni dividendosi i profitti. Secondo un articolo apparso su Atlantic Monthly del dicembre 1998, questo programma è stato sostenuto da investitori come Merrill-Lynch, Shearson-Lehman, American Express ed Allstate, ed il progetto era sparso per tutto il Texas rurale. Il governatore di questo stato, Ann Richards, ha seguito l'esempio di Mario Cuomo a New York ed ha costruito così tante prigioni di stato che il mercato è stato sommerso, tagliando i profitti delle carceri private.

Quando una legge firmata da Clinton nel 1996 - che terminò la supervisione e le decisioni della corte - causò sovrappopolamento e violenza, condizioni pericolose nelle prigioni federali, le società carcerarie private del Texas cominciarono a mettersi in contatto con altri stati le cui carceri erano sovraccaricate, offrendo servizi "affitta-una-cella" nelle prigioni della CCA situate in piccole città nel Texas. La commissione per un rappresentante dell'affitta-una-cella è di 2.50 - 5.50 $ al giorno per posto letto. La contea ottiene 1.50 $ per ogni prigioniero.


STATISTICHE

Il 97% di 125.000 carcerati federali sono stati condannati per crimini non-violenti. Si crede che più della metà dei 623.000 carcerati nelle prigioni comunali o di contea siano innocenti dei crimini di cui sono accusati. Di questi, la maggioranza sta attendendo il processo. Due terzi del milione di prigionieri statali ha commesso crimini non-violenti. Il sedici per cento dei 2 milioni di prigionieri del paese soffrono di malattie mentali.

4 comments:

Linucs said...

"Certo, certo! Però senza giustizia pubblica il mondo sarebbe in mano a bande di delinquenti che si fanno la guerra tutto il giorno! E le strade non sarebbero sicure, e nel centro di Londra ti spaccherebbero la testa con un machete! La giustizia pubblica è uguale per tutti, senza favoritismi per chi ha la lobby più danarosa a parargli il culo!"

Paxtibi said...

L'ovvia soluzione è rinunciare tutti alle nostre libertà in cambio di due pasti al giorno e di una cella riscaldata con tv. Così saremo finalmente sicuri e potremo anche esprimere la nostra sessualità in modi nuovi e creativi, liberandoci così una volta per tutte del bigottismo oscurantista e sessuofobo.

Allora sì che nascerebbe una nuova consapevolezza!

H.I.M. said...

In Italia accade più o meno la stessa cosa con le comunità di "recupero" per tossicodipendenti.
Il gruppo Muccioli, ad esempio, con le sue falegnamerie, pelliccerie e case vinicole fattura ogni anno qualche bel milioncino di euro. La percentuale di utile rispetto ad aziende dello stesso settore è esorbitante essendo il costo della manodopera paraticaemnte zero ed essendo sottoposta ad un regime fiscale del tutto particolare.
Ecco perchè all'inasprimento delle politiche proibizioniste è stata affiancata la possibilità per i tossicodipendneti di optare per la sanzione o per l'avvio di un programma di recupero.

Lo scopo ultimo di una pena comminata da un sistema giuridico dovrebbe essere quello del risarcimento delle vittime. Quando invece tali pene sono meramente punitive ed afflittive, gratti col ditino e scopri che c'è sempre un secondo fine.

Paxtibi said...

Ottima segnalazione, H.I.M, il caso italiano meriterebbe il suo bravo post.

E peccato che per i parlamentari le leggi sulla droga non valgono, sarebbe stata un'occasione per vederli lavorare una buona volta.