Saturday, July 14, 2007

«Per l'amor di Dio, per favore fermate gli aiuti!»

Questa è la traduzione di un'intervista di Spiegel uscita il 4 luglio ad un esperto di economia kenyota, che offre un punto di vista diverso – e probabilmente più vicino alla realtà delle cose – sull'effettiva utilità degli aiuti stranieri per lo sviluppo dell'Africa.
Buona lettura.



SPIEGEL INTERVISTA UN ESPERTO DI ECONOMIA AFRICANO


L'esperto di economia kenyota James Shikwati, 35 anni, sostiene che gli aiuti in Africa fanno più danno che bene. L'ardente sostenitore della globalizzazione ha parlato con SPIEGEL degli effetti disastrosi della politica occidentale per lo sviluppo in Africa, di statisti corrotti e della tendenza ad esagerare il problema dell'AIDS.


SPIEGEL: Sig. Shikwati, il summit G8 a Gleneagles sta per aumentare gli aiuti per lo sviluppo dell'Africa…

Shikwati
: ... Per l'amor di Dio, per favore fermateli.

SPIEGEL
: Fermarli? Le nazioni industrializzate occidentali vogliono eliminare la fame e la povertà.

Shikwati
: Tali intenzioni stanno danneggiando il nostro continente da 40 anni. Se le nazioni industriali desiderano realmente aiutare gli africani, dovrebbero terminare una buona volta questi terribili aiuti. I paesi che hanno raccolto la gran parte degli aiuti per lo sviluppo sono anche quelli nelle condizioni peggiori. Malgrado i miliardi che sono stati versati in Africa, il continente rimane povero.

SPIEGEL
: Avete una spiegazione per questo paradosso?

Shikwati
: Vengono finanziate le enormi burocrazie (con i soldi degli aiuti), la corruzione e la compiacenza sono promosse, gli africani imparano ad essere mendicanti e non ad essere indipendenti. In più, l'aiuto per lo sviluppo indebolisce i mercati locali dappertutto e smorza lo spirito di attività imprenditoriale di cui abbiamo bisogno così disperatamente. Per quanto irragionevole possa suonare: gli aiuti per lo sviluppo sono uno dei motivi per i problemi dell'Africa. Se l'occidente annullasse questi pagamenti, gli africani normali neppure lo noterebbero. Soltanto i funzionari sarebbero duramente colpiti. Questo è il motivo per cui sostengono che il mondo smetterebbe di girare senza questi aiuti per lo sviluppo.

SPIEGEL
: Anche in un paese come il Kenia, la gente muore di fame ogni anno. Qualcuno deve aiutarli.

Shikwati: Ma devono essere i keniani stessi ad aiutare questa gente. Quando c'è una carestia in una regione del Kenia, i nostri politici corrotti di riflesso piangono per avere più aiuti. Questa richiesta raggiunge quindi il Programma Mondiale dell'Alimentazione delle Nazioni Unite – che è un'enorme agenzia di burocrati nell'assurda situazione, da una parte, di essere dedicata alla lotta contro fame mentre d'altra, deve affrontare la disoccupazione dove la fame è effettivamente eliminata. È soltanto naturale che siano disposti ad accettare richieste per più aiuti. E non è raro che richiedano più soldi di quelli che il rispettivo governo africano ha originariamente chiesto. Allora spediscono la richiesta alle loro sedi, e in breve tempo, parecchie migliaia di tonnellate di granturco sono spedite in Africa…

SPIEGEL
: ... granturco che viene principalmente dai coltivatori europei ed americani super-sovvenzionati…

Shikwati: ... e ad un certo punto, questo granturco arriva nel porto di Mombasa. Una parte del granturco finisce spesso direttamente nelle mani dei politici senza scrupoli che lo passano quindi alla loro tribù per spingere la loro prossima campagna elettorale. Un'altra parte della spedizione finisce sul mercato nero in cui il granturco è venduto a prezzi estremamente bassi. I coltivatori locali possono pure posare subito le loro zappe; nessuno può competere con il programma mondiale di alimentazione dell'ONU. E poiché i coltivatori crollano di fronte a questa pressione, il Kenia non avrà riserve da cui attingere se ci fosse realmente una carestia l'anno successivo. È un ciclo semplice ma mortale.

SPIEGEL: Se il programma mondiale di alimentazione non facesse nulla, la gente morirebbe di fame.

Shikwati: Non la penso così. In tal caso, i keniani, per cambiare, sarebbero costretti ad iniziare i rapporti commerciali con l'Uganda o la Tanzania e comprare là il loro cibo. Questo tipo di commercio è vitale per l'Africa. Ci forzerebbe a migliorare le nostre infrastrutture, mentre farebbe i confini nazionali -- disegnati dagli Europei, per inciso -- più permeabili. Inoltre ci forzerebbe a stabilire leggi che favoriscano l'economia di mercato.

SPIEGEL: L'Africa potrebbe davvero risolvere questi problemi da sè?

Shikwati: Naturalmente. La fame non dovrebbe essere un problema nella maggior parte dei paesi a sud del Sahara. In più, ci sono ampie risorse naturali: olio, oro, diamanti. L'Africa è ritratta sempre e soltanto come continente di sofferenza, ma la maggior parte è un'immagine notevolmente esagerata. Nelle nazioni industriali, c'è l'idea che l'Africa crollerebbe senza aiuto per lo sviluppo. Ma credetemi, Africa esisteva prima che arrivassero gli europei. E non ce la siamo cavata neanche così male.

SPIEGEL: Ma l'AIDS non esisteva a quel tempo.

Shikwati: Se uno dovesse credere tutti i terrificanti rapporti, a questo punto tutti i keniani dovrebbero in realtà essere ormai infettati. Ma ora i test si stanno effettuando dappertutto e risulta che i dati sono stati notevolmente esagerati. Non sono tre milioni i keniani infettati. Tutto all'improvviso, sono soltanto circa un milione. La malaria è un problema altrettanto grave, ma la gente di quella parla raramente.

SPIEGEL: E perchè?

Shikwati: I'AIDS è un grande business, forse il più grande dell'Africa. Non c'è nient'altro che possa generare tanti soldi in aiuti quanto i dati choccanti sull'AIDS. L'AIDS qui è una malattia politica e dovremmo essere molto scettici.

SPIEGEL: Gli Americani e gli Europei hanno congelato i fondi monetari precedentemente impegnati nel Kenia. Il paese è troppo corrotto, dicono.

Shikwati: Temo tuttavia che i soldi verranno comunque trasferiti fra poco. Dopo tutto, devono andare in qualche luogo. Purtroppo, lo stimolo devastante degli europei a fare il bene non può più venir contrastato con la ragione. Non ha nessun senso che immediatamente dopo l'insediamento del nuovo governo keniano – un cambiamento di vertice che ha concluso la dittatura di Daniel arap Mois – i rubinetti siano stati aperti e flussi di soldi si sono riversati improvvisamente nel paese.

SPIEGEL: Tale sussidio è stanziato solitamente per un obiettivo specifico, comunque.

Shikwati
: Questo non cambia niente. Milioni di dollari stanziati per la lotta contro l'AIDS stanno ancora accumulati in conti bancari keniani e non sono stati spesi. I nostri politici sono stati sopraffatti dai soldi e provano a travasarne il più possibile. L'ultimo tiranno della Repubblica Centroafricana, Jean Bedel Bokassa, sintetizzò cinicamente questo fatto dicendo: “Il governo francese paga tutto nel nostro paese. Chiediamo soldi ai francesi. Li otteniamo e dopo li sprechiamo.”

SPIEGEL: In occidente ci sono molti cittadini compassionevoli che desiderano aiutare l'Africa. Ogni anno donano i soldi ed imballano i loro vecchi vestiti nei sacchetti di raccolta…

Shikwati: ... e sommergono i nostri mercati di quella roba. Possiamo comprare a poco prezzo questi vestiti regalati nei nostri cosiddetti mercati di Mitumba. Ci sono tedeschi che spendono pochi dollari per comprare le magliette usate del Bayern Monaco o del Werder Brema, in altre parole vestiti che bambini tedeschi hanno mandato in Africa per una buona causa. Dopo l'acquisto di queste magliette, li mettono all'asta su Ebay e li rimandano in Germania – per tre volte il prezzo. Questa è follia…

SPIEGEL: A seguito della seconda guerra mondiale, la Germania è riuscita a rimettersi in piedi soltanto perché gli americani hanno versato denaro nel paese con il Piano Marshall. Questo non si potrebbe definire aiuto per lo sviluppo riuscito?

Shikwati: Nel caso della Germania, soltanto le infrastrutture distrutte hanno dovuto essere riparate. Malgrado la crisi economica della Repubblica di Weimar, la Germania era un paese altamente industrializzato prima della guerra. I danni generati dallo tsunami in Thailandia possono anche essere riparati con pochi soldi e qualche sussidio di ricostruzione. L'Africa, tuttavia, deve fare i primi passi nella modernità da sé. Ci deve essere un cambiamento di mentalità. Dobbiamo smettere di percepirci come mendicanti. Attualmente, gli africani si percepiscono soltanto come vittime. D'altra parte, nessuno può realmente immaginarsi un africano come uomo d'affari. Per cambiare la situazione attuale, sarebbe utile se le organizzazioni di aiuto se ne andassero.

SPIEGEL: Se lo facessero, molti lavori sarebbero immediatamente persi…

Shikwati: ... impieghi che sono stati generati artificialmente in primo luogo e che distorcono la realtà. I lavori con le organizzazioni straniere di aiuti sono, naturalmente, abbastanza popolari e loro possono essere molto selettivi nella scelta della gente migliore. Quando un'organizzazione di aiuti ha bisogno di un autista, dozzine fanno domanda per il lavoro. E perché è inaccettabile che l'autista di un lavoratore di queste organizzazioni parli soltanto la propria lingua tribale, al candidato si richiede che parli anche inglese fluente – e, idealmente, che sia anche di buone maniere. Così vi trovate con un biochimico africano che porta in giro un operaio degli aiuti, distribuendo cibo europeo ed sottraendo ai coltivatori locali il loro lavoro. È semplicemente pazzesco!

SPIEGEL: Il governo tedesco si vanta della precisione nel controllo dei destinatari dei suoi fondi monetari.

Shikwati: E qual è il risultato? Un disastro. Il governo tedesco ha gettato denaro direttamente al presidente Paul Kagame del Ruanda. Questo è un uomo che ha milioni di morti sulla sua coscienza – popoli che il suo esercito ha ucciso nel paese limitrofo del Congo.

SPIEGEL
: Cosa dovrebbero fare i tedeschi?

Shikwati: Se davvero desiderano combattere la povertà, dovrebbero completamente fermare gli aiuti per lo sviluppo e dare all'Africa l'occasione di assicurare la propria sopravvivenza. Attualmente, l'Africa è come un bambino che immediatamente strilla per la sua babysitter quando qualcosa va male. L'Africa dovrebbe sollevarsi sui propri due piedi.

Intervista condotta da Thilo Thielke

4 comments:

Pike Bishop said...

Come mi fa piacere sentire da un africano le stessi identici concetti per i quali sono stato classificato nei piu' vari e coloriti epiteti al di la' dei soliti piu' comuni (nazista, razzista ecc.).
Chiamate lui razzista, ora, se potete!!!

Il fatto peculiare dell'Africa e' che e' una colonia matura: i colonialisti hanno colonizzato la coscienza dei negri (si, negri e non neri, come i sordi sono sordi e non non-udenti e tutto il resto della disgustosa fuffa PC) che ormai pensano da accattoni e ritengono naturale la situazione di fame, miseria e disperazione che invece e' stata creata ad arte dai colonialisti e viene ora perpetuata dallo spirito candido che manda soldi suoi o rubatigli con le tasse e sta dietro alle menzogne pelose di utili idioti dello stile di Bono. Come questi sempliciotti mi ricordano la vecchina di Conrad che fila col gatto sul grembo nella citta' sepolcro imbiancato!!!
E come questa situazione mi ricorda i cortei dei disoccupati che elemosinano un lavoro allo Stato Padrone!!!
Attenti perche' l'Africa si sta spostando sempre piu' a nord e mi sembra che le palle e la cultura degli afghani proprio manchino, da queste parti, specie dopo la cura melting pot. Saremo anche noi una bella colonia evoluta ed io ho perso trentanni della mia vita a parlare nel deserto: meno male che esiste un posto per i Gongori.

Paxtibi said...

Parole sante, Pike: l'unica possibilità di sopravvivenza per lo stato papà sta nel mantenere i sudditi in una condizione di infanzia perenne, di renderli bambini incapaci di affrontare la fatica della vita che tutto devono aspettarsi dall'alto.

Ed è impressionante vedere con che facilità ci stia riuscendo.

Andrea said...

Bisogna vedere quanto resta vivo...

E' rarissimo trovare un economista occidentale che parli con così tanto buon senso, senza nascondersi dietro il dito delle macro-variabili. Una cosa che i più accorti tra loro ("tra noi") sanno bene è che l'economia è la semplice costruzione di modelli sotto determinate ipotesi irrealistiche che in alcuni casi contingenti si verificano e rendono applicabile la teoria. Nè più, nè meno. Se uno vuol fare previsioni è meglio che si affidi alla Storia. Che insegna, e con molta chiarezza, che gli stati che dominano l'economia mondiale sono quelli che hanno inventato la finanza (UK e Usa), i campioni dell'industria pesante (Germania in testa: dopo due guerre mondiali perse, in cui tenevano da soli testa a tutto il mondo, sono ancora la prima economia d'Europa), chi ha copiato potendo farlo per storia e cultura comuni (gli altri stati d'Europa), chi ha accettato la modernità reinventandola e riadattandola al proprio paese (soprattutto il Giappone). Chi non fa da sè e non trova la propria strada, ma vuole comunque "competere nel mercato globale", per usare un'espressione inflazionata, è destinato a soccombere. Ed è proprio per questo che gli economisti ci tengono tanto che gli altri paesi firmino convenzioni adottando i NOSTRi modelli (è quello a cui serve il WTO).

Sugli effetti devastanti per le economie degli aiuti poi, le evidenze sono talmente numerose che non si possono negare. Basa guardare a Gaza, o, senza andare troppo in là, al nostro mezzogiorno.

E tengono per le palle l'opinione pubblica dicendo che se li sospendessero la gente morirebbe di fame (il che, nel BP, è in parte vero). Infatti è l'unica argomentazione dello Spiegel.

Ciao PAx, ciao Pike (ti ho lasciato un pm su LC)

Anonymous said...

Un (video) post in tema:

Mart Laar e l' Estonia: Un esempio di Libertarismo

http://www.youtube.com/w/?v=UZmzrIMp_8w